Insights 12 Food Skills Dinosaurs Extinct

Le abilità culinarie di base si estingueranno?

Molte conversazioni ruotano intorno all’argomento: le stampanti di cibo 3D elimineranno la necessità per le persone di sviluppare basiche abilità in cucina e di conoscere da dove proviene il cibo?

Qui di seguito due commenti reali presi dalla stampa e social media riguardo la stampa 3D di cibo:

“Le stampanti 3D di cibo allontano ancora di più i consumatori dalle fonti del loro cibo e da ogni capacità di cucina casalinga e preparazione dei piatti”

“Che società pigra in cui stiamo vivendo gente” (Riguardo a un futuro in cui le stampanti 3D di cibo diventino parte delle nostre vite).

Queste sono solo due ma ci sono molti più commenti che vanno nella stessa direzione.

Alcune persone ritengono che una o due generazioni dopo che le stampanti 3D saranno cosa comune nelle nostre cucine, la maggioranza della popolazione non saprà più cucinare del tutto, e non sapranno nemmeno esattamente cosa finisce nel loro piatto.

Questa non è la nostra visione. Al contrario, crediamo che la stampa 3D di cibo – per lo meno nella maniera in cui noi la approcciamo – AUMENTERÀ le abilità culinarie e permetterà alle persone di avere una conoscenza MAGGIORE di ciò che entra nei nostri piatti.

Come?

Foodini viene spedita con capsule di acciaio inossidabile vuote. Questo significa che non sei obbligato a comprare capsule con cibo già preparato. Al contrario, sei al controllo degli ingredienti che usi con Foodini. Desideri utilizzare ingredienti freschi? Noi lo sosteniamo.

Una delle mie immagini preferite da mostrare quando sono sul palco intenta a dare presentazioni è questa foto con delle quiche di spinaci a forma di dinosauri.

C’è una storia personale dietro di essa: un giorno avevo preparato una quiche di spinaci per cena. Una quiche normale, dalla tipica forma circolare, come una torta. Verde era anche il colore preferito di mio figlio: così dissi ai miei figli che avremmo avuto una torta verde per cena. Eccitante! O forse no…i miei figli non ne hanno mangiato nemmeno un pezzo. Infine, li ho convinti a provarne un pezzetto, cosa che hanno fatto. Ma entrambi hanno detto che non gli piaceva. D’accordo, a nessuno piacciono tutti i cibi.

Ma dopo ho provato un esperimento. Poche settimane dopo, ho stampato la stessa identica ricetta della quiche con spinaci dandogli la forma di dinosauri, influenzata dai giochi a forma di dinosauro di mio figlio (nella foto sopra). Risultato? I miei dinosauri divennero estinti molto velocemente! ;-) Nota divertente: le persone mi chiedono come abbia ottenuto la sfumatura marrone nella schiena di alcune stampe di dinosauri. Il mio secreto? Erano quelli nella parte in fondo del forno che ho quasi bruciato. :-)

Stessa esatta ricetta, forme differenti. Questo è tutto quello che necessitavano i miei bambini per mangiare quiche di spinaci. Genitori vittoriosi per aver fatto mangiare spinaci ai propri figli!

Ma un’altra cosa è invece generalizzare attorno alla stampa di cibo 3D asserendo che le persone non conosceranno le fonti del loro cibo e non avranno alcuna abilità nella cucina casalinga e nella preparazione dei cibi. In questo caso infatti abbiamo utilizzato doti di cucina casalinga e preparazione dei cibi perchè noi – io con l’aiuto dei miei figli – abbiamo preparato l’impasto ed il ripieno di spinaci con i nostri ingredienti.

Non abbiamo semplicemente aperto una scatola di quiche di spinaci in forma di dinosauri prefabbricata (perchè, esiste?!), senza conoscere esattamente ciò che il fabbricante di alimenti aveva posto nel nostro cibo.

Al contrario, abbiamo usato ingredienti freschi per la preparazione dell’impasto e per il ripieno di spinaci da inserire nelle capsule di acciaio inossidabile di Foodini. Sapevamo esattamente che ingredienti erano contenuti nei nostri dinosauri. Dal tipo di farina utilizzata nell’impasto, al pizzico di noce moscata aggiunta alla miscela di spinaci. Abbiamo usato spinaci interi. Visitiamo spesso una azienda agricola locale. Quando guidiamo attraverso i terreni agricoli, passiamo a lato di alcuni campi coltivati dell’azienda e vediamo raccolti crescere nel terreno. Un giorno abbiamo visto spinaci in questi terreni. Questo è l’opposto di non conoscere la fonte del cibo…sappiamo esattamente da dove provengono gli spinaci.

Anche se non cerchi dove è stato fabbricato o cresciuto tutto il tuo cibo (come quando compri gli spinaci nel supermercato invece che da un’azienda agricola), grazie a Foodini e alle sue capsule di acciaio inossidabile che ti permettono di usare i tuoi ingredienti freschi, le persone possono davvero migliorare le loro abilità in cucina e conoscere in misura maggiore cosa è contenuto nei nostri cibi. Nessuna pigrizia riguardo a tutto ciò.

Trasparenza assoluta, sono la cofondatrice di Natural Machines, i creatori di Foodini: una stampante 3D di cibo. Foodini può preparare tutti i tipi di piatti dolci e salati utilizzando ingredienti freschi ed autentici. Con Foodini, si tratta di vero cibo...stampato in 3D.

PRECEDENTE SUCCESSIVO MI PIACE / COMMENTA
TORNA A SPUNTI

CONTATTACI